SQUIRTING, SPRUZZI DI PIACERE

Alcuni definiscono lo squirting come l’eiaculazione femminile, altri dicono che sono due cose diverse e, ovviamente, potrebbero darsi entrambi al tempo stesso. Questo è uno dei punti più meravigliosi e sconosciuti della sessualità femminile.

26 settembre 2017  - 
0
Condividi
SQUIRTING, SPRUZZI DI PIACERE

Quello che sappiamo dell'eiaculazione femminile e dello squirting è che non sappiamo bene quello che sono. Navigando su internet, vedremo che ogni pagina web scrive qualcosa di diverso e qualcuno si azzarda addirittura a dare tecniche per ottenere questo piacere. In pratica, la donna deve ricercare e praticare con il proprio sesso per conoscere delle capacità insospettabili. Squirting è una parola che proviene dall’inglese e significa spruzzo. Iniziamo da lì, inizieremo a cercare di ottenere la verità.

Cos’è lo squirting?

Molti studiosi ed anche non studiosi qualificano lo squirting come l’uscita di un liquido dall’uretra quando la donna sperimenta il piacere sessuale. Tutte le donne sono capacitate a sentirlo, e dipende, nella maggior parte dei casi, dal relax e dalla fiducia durante il rapporto sessuale.

Il porno occidentale ha messo i riflettori a questo fenomeno e cerca anche un parallelismo spettacolare con l’orgasmo maschile. In realtà, non bisogna ossessionarsi con questo spruzzo caldo delle profondità femminili. La cosa più importante è godere, senza proporsi obiettivi di genere che possano generare un tipo di pressione.

Nella composizione dello squirting troviamo le stesse sostanze dello sperma, eccetto quest’ultimo, ovviamente. Alcuni articoli assicurano che c’è dell’urina, altri che non c’è. Sappiamo che l’uscita di questo liquido durante l’orgasmo femminile non è urina, è molto altro.

Lo squirt è l’eiaculazione femminile?

La comunità scientifica non sempre si mette d’accordo. Alcuni definiscono lo squirting come l’eiaculazione femminile, altri dicono che sono due cose diverse e, ovviamente, potrebbero darsi entrambi al tempo stesso. Questo è uno dei punti più meravigliosi e sconosciuti della sessualità femminile.

Fino a non molto tempo fa si negava che la donna provasse l’orgasmo fino a quando si è imposta la volontà di voler godersi il proprio corpo e la propria sessualità al massimo, come gli uomini o anche di più. E ciò nonostante, continuiamo senza quorum.

Esistono delle tecniche per sperimentarla?

Oltre al relax e la fiducia propria affinché il rilassamento sessuale sia fruttifero, ci sono altri trucchetti in più. All’inizio si inizia con del romanticismo senza essere appiccicosi, candele e musica appropriata per l’occasione.

Dopo il corteggiamento, si inizia col sesso orale in cui il compagno o la compagna si dedica al massimo e lo fa al meglio. Senza focalizzarsi sul clitoride, la lingua percorre tutta la vulva e gioca pure introducendola nella vagina. I più esperti possono arrivare fino all’ano e possono e possono mettersi pure a stimolarlo, visto che ci siamo. Le esperte consigliano di introdurre il dito medio e l’anulare e cercare la zona G per raggiungere più piacere, muovere le dita verso destra e poi verso sinistra, cercano l’eccitazione delle ghiandole di Skene. Se una lo sta facendo da sola a casa, può anche usare il pollice per stimolare il clitoride.

Con tutta la mano in funzione e concentrandosi molto nel movimento delle dita dentro la vagina, potrebbe arrivare il momento in cui la donna sente che deve far pipì. Oltre all’eiaculazione, potrebbe esserci lo squirting. Non reprimerti! Fatti trasportare e goditi la tua prima esperienza doppia.

Ignoranza diffusa

Sfortunatamente, c’è parecchia ignoranza sulla sessualità femminile, così tanto che perfino la donna stessa si è dimenticata durante molto tempo di pensare al proprio piacere, ma oggi il suo desiderio sorge con tutte le sue forze. Anche se solo per una questione scenografica da film porno, deve approfittare della situazione e praticare fino a conoscere di più il suo corpo.

Fino ad oggi, abbiamo differenziato squirt ed eiaculazione femminile: il primo esce dall’uretra, il secondo dalla vagina. Sappiamo che la donna può farlo da sola, non ha bisogno di nessuno per sentirlo e si sa che è una tematica che va di moda e quindi può cacciarla fuori fra i suoi amici e scoprire ulteriori segreti.

La verità sullo squirting

Non possiamo parlare dello squirting senza nominare le ghiandole di Skene. Si trovano ai lati del famoso punto G. Questa ghiandola può variare di dimensioni, dai due ai cinque centimetri. Se si stimola con molta arte, è possibile stimolare la zona G e le Skene ed ottenere un nuovo orgasmo.

Il liquido che si espulsa è come lo sperma, ma senza sperma, come abbiamo già detto, ed ha anche fruttuosa, acido citrico e acqua. Le ghiandole di Skene si trovano molto vicine alla vescica e all’uretra, per questo si crede che è orina, ma non contiene orina, secondo alcune autrici.

Il momento più importante è quando la donna è molto eccitata e sta per arrivare all’orgasmo, smettere di premere le ghiandole di Skene, non contrarre la vagina e spingere verso l’esterno. Anche se è complicato, non si tratta di nient’altro che di fare pratica e non ossessionarsi con lo spruzzo, perché secondo gli esperti in materia, l’orgasmo non è né meglio, né peggio se c’è lo squirting.

Impariamo dal Ruanda

Come per tante altre cose, siamo indietro rispetto a tanti paesi africani e, in questo caso, siamo indietro rispetto al Ruanda. Mentre qua non riusciamo ancora a capire le differenze fra lo squirting e l’eiaculazione femminile, e peggio ancora noi donne non sappiamo di cosa stiamo parlando, in Ruanda da migliaia di anni lo squirt è una condizione sine qua non del matrimonio.

Il documentario L’eau sacrée (L’acqua sacra) del belga Olivier Jourdain mostra il rispetto di quanto questa pratica sessuale sia qualcosa che deve dominare quando ama una donna. È segno di virilità mostrare alla sua sposa i piaceri insospettabili.

Il documentario fa vedere con malizia e naturalezza come una famosa presentatrice di radio va in giro per i paesini ed istruisce alle ragazze in questa pratica. Anche gli uomini giovani devono imparare il corpo della donna. È suo dovere soddisfarla.

Nel cuore dell’Africa sensuale ed intrepida, lo squirting o kunyaza si paragona con il fiume della vita, con la purezza e con i doveri dell’amore di coppia. Proprio come qua, va.

26 settembre 2017  - 
0
Condividi


* Il commento sarà pubblicato solo dopo esser stato controllato ed approvato.