ESTREMI VS AMBIGUI PUNTI INTERMEDI

Per molte persone, la vita è fatta di opposti o di estremi. Bianco o nero, dolce o salato, femminile o maschile, disinibita o casta, effeminato o machoman. Ciò nonostante, la vita va oltre, perché fra il bianco e il nero, esiste un'ampia gamma di colori.

14 febbraio 2017  - 
0
Condividi
ESTREMI VS AMBIGUI PUNTI INTERMEDI

Per molte persone, la vita è fatta di opposti o di estremi. Bianco o nero, dolce o salato, femminile o maschile, disinibita o casta, effeminato o machoman. Ciò nonostante, la vita va oltre, perché fra il bianco e il nero, esiste un'ampia gamma di colori.

Tu ti decanti di più per il lato dominante o per quello sottomesso o viceversa? Il nostro consiglio è il poter sentirsi ogni giorno in un modo diverso ed essere capace di godersi tutti e due i lati. Oggi, nel nostro caro blog, parleremo degli opposti, di estremi e di punti intermedi, perché ci piace provare un po' di tutto.

Donna, uomo, o tutti e due?

Essere cento per cento uomo o donna è uno degli estremi in cui ci obbliga a stare la nostra società. Se sei una donna, non puoi essere un uomo, né comportarti come tale. La stessa regola si applica agli uomini. E ciò nonostante, quelli che riescono a portarsi a letto più donne sono coloro che non nascondono il loro lato sensibile. Nel caso delle donne, sono quelle che sono decise ed indipendenti.

E, per quanto riguarda il sesso? Ci sono alcuni clienti de La Vie en Rose che ci raccontano che l'escort perfetta per i loro gusti è quella molto femminile che però fa sesso come un uomo. "Mi piace che l'escort si comporti come una puttana, che scopi in modo diretto, porco, da film porno, come piace a noi uomini. Non voglio girarci intorno quando prendo appuntamento con lei. Se ho pagato per dei servizi, li voglio al massimo, senza intimidirci. Se devo sudare per una scopata, a questo punto me ne vado in una discoteca".

Le escort ci raccontano che per loro "il meglio è un uomo molto macho, che non nasconda il suo lato erotico, sensuale e affettuoso". Cioè, per tutti la cosa migliore è il mix fra il maschile e il femminile!

Androgini che sprigionano sensualità

La parola androgino proviene dalla parola andro, che in greco significa uomo; e gino, che in greco significa donna. Cioè che è il mix fra entrambi i sessi. Ci riferiamo a una donna con dei lineamenti maschili o un uomo con dei lineamenti femminili.

Marlene Dietrich, la protagonista del film di inizio del Novecento di Josef Von Sternberg Der blaue Engel (L'angelo azzurro in italiano), è un ottimo esempio di androginia. In questo film, adora vestirsi di smoking, fumare con la sigaretta in mano, sostenuta dal pollice e dall'indice, e flirtare, provarci con donne, o con uomini, a seconda di come le gira.

Marlene era una bionda esplosiva che giocava col suo lato maschile addirittura di fronte alle telecamere. Basta guardare il suo film Morocco per vedere come si scambia, in modo molto sottile, il ruolo femminile con Gary Cooper.

David Bowie, il genio di Brixton, ha sempre giocato con la sua ambiguità sessuale. Ciò nonostante, il suo matrimonio con la modella somala Iman è durato per molti anni; ciò non toglie che, sul palcoscenico, Bowie metteva in risalto questa sua ambiguità di genere.

Basta digitare il suo nome su Internet e vedere quante immagini abbiamo ereditato. David Bowie si conciava in tutti i modi possibili: da rockabilly, da alieno oppure dall'essere più ambiguo della terra. A volte, con le sopracciglia depilate e i vestiti più attillati; altre volte, con un completo da gentiluomo. E sotto tutte quelle facce, si affaccia la sua genialità.

Vainilla Sex o le fantasie più sporche e perverse

Il Vainilla Sex è quello che si fa, e dopo rimani con l'amaro in bocca perché è stata una scopata mediocre. Prevedibile, noioso, con un orgasmo minuscolo. È quella scopata che, mentre la fai, pensi che devi mettere una lavatrice, mandare un'e-mail al capo o rispondere agli ultimi WhatsApp.

Da questo tipo di sesso alle fantasie più sporche e perverse c'è un abisso. Il vizioso vero e proprio ha bisogno di continuo di cose strane per potersi godere il sesso. Per esempio, ha un momento di passionalità, ma un giorno ha bisogno di strappare i vestiti. Un altro giorno, dare uno schiaffo; un altro, mettersi un cetriolo nel culo; e se è molto stressato, forse vorrà fare anche l'urolagnia e godersi la pipì in bocca.

Se sei abituato a un punto intermedio, benvenuto al club della maggior parte degli umani!
Riempire la propria vita sessuale di sorprese ed erotismo, di nuove esperienze e di esplorazioni nel mondo del piacere è il modo migliore per mantenerla viva, attiva e dinamica.

Dominatrix o Sottomesso/Slave

Nel caso del BDSM, i ruoli della Dominatrix o Mistress e quelli dello Slave o Sottomesso sono molto delimitati. In questa fantasia, è molto importante non saltarsi le regole. Quando una è una dominatrix, non può farsi trasportare dal suo schiavetto, non potrà concederglielo, e non potrà perdere terreno a suo favore. La Mistress ha un ruolo solido, duro. La dominatrix sente piacere al dominare e umiliare l'altro. Non si può scambiare questo ruolo durante la sessione di sadomasochismo e neanche quando finisce.

Per lo schiavo o il sottomesso funziona nello stesso modo. Sente piacere quando viene umiliato o maltrattato dalla sua Padrona. Dovrà obbedire solo a lei, e solo lei potrà umiliarlo. Non possono scambiarsi i ruoli o tutta la fantasia crolla.

In molti casi, il SM comincia poco a poco e poi diventa un rapporto basato per entrambi sulla fiducia totale. Il sottomesso quando è legato mani e piedi, con la bocca e gli occhi bendati e una pallina in bocca che gli impedisce di parlare, è alla mercé della Dominatrix. Questa Mistress ha coltelli, pinze, scariche elettriche, frustre, corde e qualsiasi altro tipo di materiale per far avverare questa fantasia.

È facile capire che, in questa situazione, se manca la fiducia e l'esperienza, può finire molto male.

Per i sadomasochisti, non conta molto lo scambio e il punto intermedio. A chi gli piace dominare, non piace essere legato e frustrato. Per i sottomessi vale lo stesso discorso: non gli piace farsi il duro e obbligare a leccare gli stivali né dare ordini immediati al telefono.

Insomma, gli estremi non sono consigliabili. Lo sanno tutti ed inoltre l'ha detto anche il Dalai Lama in diverse occasioni. Può darsi che gli estremi ci diano una sensazione di potere e di piacere esagerato, ma la cosa migliore è il punto intermedio. Già lo dicevano i latini: in media stat virtus.

14 febbraio 2017  - 
0
Condividi


* Il commento sarà pubblicato solo dopo esser stato controllato ed approvato.