Auto-Cine, Hamburger, Sesso... Auto-Sesso!!!


15 ottobre 2013  - 
0
Condividi
Auto-Cine, Hamburger, Sesso... Auto-Sesso!!!

Le autorità di Zurich, in Svizzera, dove il sesso a pagamento è legale, lanciarono un'iniziativa per lo meno originale e singolare, verso la fine di agosto di quest'anno. La Sex-Box, o Auto-Sesso, sono degli scompartimenti dove poter fare sesso senza scendere dalla macchina, e sono praticamente una realtà nella città elvetica. 

L'intenzione è quella di fare il lavoro delle prostitute più sicuro. Si tratta di uno spazio abbastanza ridotto, molto simile a un parcheggio, protetto dal resto con pareti di legno e con un tetto, in cui si può parcheggiare la macchina per avere dei rapporti sessuali, pagare, e andarsene. Inoltre, queste sex-boxes, pioniere in tutta Europa, sono provviste anche di istruzioni di uso.

C'è un cestino, ed inoltre ci sono anche delle segnaletiche che indicano l'uso corretto degli impianti: una sola persona per ogni macchina, quindi, nessun trio; solo maggiorenni; solo macchine, e soprattutto, il divieto di macchine fotografiche, di videocamere, o di microfoni. I segnali avvertono anche che la sex-box non è il posto in cui si patteggia il prezzo e che la prostituta non può uscire dalla sex box nella macchina dell'utente, senonché deve scendere dalla macchina.

L'illuminazione è colorata e non ci sono porte, né catenacci. La sex-box è un abitacolo aperto, eccetto per le pareti e il tetto, che servono a salvaguardare l'intimità degli utenti.

Ci sono dei poliziotti che pattugliano la zona, per cui le prostitute sanno che sono protette. Affianco all'autista, la sex box è molta stretta, per cui il cliente non può uscire con facilità. Ciò nonostante, al lato del passeggero sì che c'è spazio, un pulsante d'allarme, ed anche un'uscita d'emergenza. 

Fra le pareti della sex-box ci sono posters che pubblicizzano il sesso sicuro, cioè per esempio l'uso del preservativo per prevenire il contagio dell'AIDS. L'unico problema è che la stampa internazionale sta sorvegliando strettamente questi impianti, e le prostitute ancora non si sono espresse al rispetto.

Come si usa una Sex-Box?

La sex-box sembra un garage; se ne possono trovare ben nove di fila nel rione di Sihlquai, nel centro storico della città. Tutte con il loro pulsante d'allarme e con i poliziotti. I clienti non possono abbandonare l'area con una prostituta in macchina. 

La prostituzione è aumentata molto negli ultimi anni in Svizzera. Come in molte altre capitali, le ragazze si prostituiscono in centro, e i clienti usano i loro servizi in strada e buttano i preservativi sul marciapiede, quindi sporcando la città. Per questo, il governo svizzero ha puntato tutto su un'iniziativa che voglia togliere la prostituzione dal centro città, con un'inversione di 2.6 milioni.

Il progetto vuole mettere da parte i moralismi e i benefici economici, e ha agito semplicemente a favore delle ragazze che si prostituiscono. Si calcola che una media di una trentina o quarantina di donne usino le sex-box ogni notte; le ragazze dovranno pagare 5 franchi svizzeri ogni notte per poter utilizzare gli impianti. I clienti non devono pagare.

Le sex-box aprono a partire delle sette del pomeriggio fino alle cinque del mattino, e si possono usare solo andando in macchina. C'è un percorso obbligatorio che il cliente non può evitare: durante questo percorso il cliente che guida, sceglie la prostituta, negozia il prezzo e si dirige a un sex-box.

Inoltre, ci sono docce, toilettes, cucine e lavatrici che le prostitute possono utilizzare. C'è anche un centro sociale per qualsiasi tipo di aiuto; per esempio, con controlli ginecologici. 

Se non fosse abbastanza, i servizi sociali svizzeri, offrono dei corsi express di tedesco e di difesa persona per le prostitute che usino le sex-boxes, con l'obiettivo di poter prostituirsi in condizioni ottimali e sicure.

Si alza l'età per prostituirsi: dai 16 ai 18 anni

Il parlamento svizzero ha deciso di alzare l'età legale delle prostitute dai 16 ai 18 anni, cercando quindi di omologare il mercato del sesso in Svizzera con il resto d'Europa. 

La Camera del Parlamento ha votato che è illegale avere del sesso a pagamento con una minorenne, dopo essersi messa d'accordo con l'altra Camera. Fino ad ora, pagare per avere dei rapporti sessuali con persone con un'età inferiore ai 16 anni (l'età minima) era legale nel piccolo paese di montagna.

Con la nuova proposta di legge, le prostitute fra i 16 e i 18 anni non saranno multate. Ciò nonostante, coloro che le spingono nel mondo della prostituzione, sì che verranno duramente puniti, con tre anni in carcere. La nuova legge alza l'età per poter partecipare nel mondo del porno, aumentando le pene fino a cinque anni per promuovere, commercializzare o produrre pornografia con minorenni. 

Queste misure si inseriscono dentro del contesto del Consiglio Europeo per la protezione dei minorenni, firmato nel 2010. È importante non ridurre o essere lassi di fronte alla protezione dei minorenni a causa delle frontiere geografiche e politiche. La prostituzione dev'essere chiaramente separata dagli abusi; in Svizzera è legale e si considera come un'attività economica legittima.

La prostituzione in Svizzera 

Le persone che si prostituiscono in Svizzera sono considerate come lavoratrici indipendenti, e devono pagare le tasse come in qualsiasi altro lavoro. Il sesso a pagamento è legale nel paese oltr'Alpe.

Per quanto riguarda la sua legalizzazione, il governo convocò un referendum a marzo del 2012, dove un 52% dei votanti optarono per il sì. 

Altre iniziative sorprendenti

In Brasile, il due di giugno è la Giornata delle prostitute. In previsione della FIFA World Cup 2014 e le Olimpiadi del 2016, il governo brasiliano ha voluto promuovere il sesso sicuro ed essere tolleranti verso coloro che lavorano nel mercato del sesso.

Senz'ombra di dubbio, gli eventi sportivi mondialmente riconosciuti raffigurano un aumento importante del sesso a pagamento, per questo, la campagna è molto consona ed adeguata. In città quali Belo Horizonte, le prostitute stanno in fila per poter fare un corso di inglese. Ci sono alcuni slogans come: "Sono felice di essere prostituta", e "Non si vede e non si tocca senza preservativo, amore mio". 

15 ottobre 2013  - 
0
Condividi


* Il commento sarà pubblicato solo dopo esser stato controllato ed approvato.